martedì 22 gennaio 2013

"CHI E' ANDY WARHOL?!?!?!?"

C'era una volta un ragazzo e una ragazza al loro primo appuntamento, si stavano conoscendo, tutto andava per il verso giusto, fino a quando la conversazione improvvisamente deragliò...


Ragazza: "Ultimamente sono stata alla mostra di Andy Warhol..."
...
Ragazzo: "Chi è Andy Warhol?!?!"

L'espressione della ragazza fu più o meno questa

Non ci credeva, ma era rincitrullito?!?!?!?Come faceva a non sapere chi fosse Andy Warhol?!?!!?!?

"No vabbè, non ci posso credere, ma questo è un emerito ignorante!!!Cavolo ANDY WARHOL!!!Sicuro avrà una sua stampa a casa e non sa neanche chi sia!!!!No io ora mi alzo e me ne vado" (diciamo anche che la ragazza era/è un pò estrema)

Scossa da questa notizia "scioccante", iniziò a chiedere ad amici, parenti, cassieri, fruttivendoli, se conoscessero Andy Warhol, e il risultato fu sconcertante, la maggior parte delle persone non sapeva chi fosse, una parte alla frase "Ma come dai, quello della stampa di Marylin Monroe tutta colorata" allora rinvenivano e dicevano di conoscere il quadro ma non sapevano chi fosse l'artista, altri proprio non conoscevano visivamente neanche qualche opera (per grazia divina una minoranza).
"Eppure cavolo è famoso!!!Ho sempre creduto che fosse un gradino sotto (a livello di popolarità) a Caravaggio, Leonardo da Vinci, Picasso, ma poi chi più di lui è l'artista del popolo, commerciale, moderno, è lui che scrisse:

«Quel che c’è di veramente grande in questo paese è che l’America ha dato il via al costume per cui il consumatore più ricco compra essenzialmente le stesse cose del più povero. Mentre guardi alla televisione la pubblicità della Coca Cola, sai che anche il Presidente beve Coca Cola, Liz Taylor beve Coca Cola, e anche tu puoi berla. Una Coca Cola è una Coca Cola e nessuna quantità di soldi ti farà avere una Coca Cola migliore di quella che sta bevendo il barbone dietro l’angolo. Tutte le Coca Cola sono uguali e tutte le Coca Cola sono buone. Lo sa Liz Taylor, lo sa il presidente, lo sa il barbone e lo sai tu.» (Filosofia di Andy Warhol, 1975)

CHI E' PIU' COMMERCIALE DI LUI?

Niente, la ragazza si dovette ricredere, il "suo" Andy non era poi così tanto popolare come aveva sempre creduto, era assurdo per lei, ma era la realtà dei fatti.

Morale della favola: La ragazza diede ulteriori chances al povero ragazzo, che se la cavò molto bene, e capì che forse era stata esagerata nella sua reazione (anche se ancora non se ne capacita), conosceva tante altre cose che lei non sapeva, si innamorarono e vivono ancora felice e contenti.

Ah, 

Ora il mio ragazzo ne sa più di me su Andy Warhol! 




A Luca



16 commenti:

  1. Brava!! Bellissimo post!!

    RispondiElimina
  2. Forte sbirri!! continua così... vez

    RispondiElimina
  3. Mi piace mi piace mi piaceeeee ahahaha Pat

    RispondiElimina
  4. Perfavore non abbiamo bisogno della tua prosa claudicante da saggio breve di terzo liceo e del tuo uso disorientato e labirintico del discorso diretto. Non sentiamo il bisogno persino della tua ironia caramellata dozzinalmente e della tua velata infarinatura di Arte Figurativa.

    Oltretutto, "...Perché se non hai i soldi per il Colosseo, è perché hai comprato Andy Warhol, Gilbert & George, dei cacatori di merda!" (V. Sgarbi). Te lo meriti il MAXXI.

    Perfavore chiuditi in te stessa, fallo per noi, fallo per te.


    NADL - Nucleo Armato per la Difesa della Lingua -


    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE!Sei un genio, adoro il tuo modo di scrivere, tenete dei corsi al NADL?Ne avrei veramente bisogno

      Elimina
  5. Cazzo che cultura! Se di rado scopassi saresti perfetto!!!

    NADF - Nucleo Armato per la Difesa della Figa -

    RispondiElimina
  6. ahahahahahah :D fantastico posto "ragazza un pò estrema"....
    Ottimo lavoro per il Blog!!
    un bacio pri

    RispondiElimina